TEST: GIUSTO PER I FAMILIARI DEI DONATORI D’ORGANI SAPERE CHI LI RICEVE?



VALSASSINA – Implicazioni etiche, rischio di “mercimonio” della donazione o legittimo desiderio di conoscenza reciproca tra chi riceve gli organi e i familiari di chi, dopo la morte, ridà la vita a persone bisognose di trapianto?

       Riccardo e Marco Galbiati

Il tema è delicatissimo e sta scuotendo le coscienze specie dopo il grande attivismo dimostrato dall’imprenditore brianzolo Marco Galbiati – oggi anche alla guida dell’APAF, azienda pubblica che gestisce il CFPA Casargo -, padre del giovane Ricky che si sta battendo per abolire l’anonimato nella donazione (Legge 91/1999) e rendere legittimo quel che al momento non è: la conoscenza reciproca, appunto, tra chi viene salvato e i parenti del donatore.

Sul tema abbiamo aperto poco fa il nostro consueto sondaggio-test on line, attivo fino a giovedì prossimo; si può votare nel box qui sotto, o nell’apposito spazio a destra nella homepage del giornale.

DONAZIONI DI ORGANI: GIUSTO CONOSCERE CHI LI RICEVE?

  • No, ci sono implicazioni etiche (45%, 93 Voti)
  • Sì, è giusto (33%, 69 Voti)
  • Non si rischia il "mercato" degli organi? (11%, 22 Voti)
  • Sono indeciso (9%, 19 Voti)
  • L'argomento non mi interessa (1%, 3 Voti)

Totale votanti: 206

Loading ... Loading ...

IL CASO RECENTE:

“MI PIACEREBBE RIABBRACCIARLO”: LA MAMMA DI ALEX CRIPPA VORREBBE CONOSCERE CHI HA RICEVUTO GLI ORGANI DEL FIGLIO

 




I "TEST" DI VN

QUORUM ALLE ELEZIONI, SE MANCA IL 50% ARRIVA IL COMMISSARIO

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO Valsassina




VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

VIDEO/Don Giacomo Tantardini per Natale