I PAESI IN CUI IL TORRENTING È ILLEGALE



Il torrent è da tempo uno dei modi più veloci per condividere file su Internet. Il dibattito sulla sua legalità ha suscitato reazioni contrastanti tra le nazioni. In linea di principio, il torrenting è legale ma la condivisione o il download di materiale non autorizzato sul copyright non lo è. La cosa che lo ha tenuto in vita è il fatto che i siti torrent non ospitano il contenuto. I file vengono scaricati da altri utenti, quindi mettono la comunità in un’area legalmente grigia. Per questo motivo, molti paesi hanno deciso di rendere il torrenting, in qualsiasi forma, illegale. Diamo un’occhiata ad alcuni di questi paesi.

Cina

Quando si tratta di severe leggi sul torrentismo, la Cina regna sovrana. Il paese ha posto in essere misure severe nel tentativo di ridurre la violazione del copyright. Secondo la sua legge sul copyright, chiunque effettui una grande quantità di entrate da atti di violazione del copyright rischia la detenzione in carcere di non più di tre anni, la detenzione penale o una multa. Ciò significa che se non stai facendo soldi, la corte può chiudere un occhio in confronto a una persona che vende contenuti protetti da copyright su un sito torrent.

Poiché la maggior parte del software video utilizza P2P per distribuire video, le forze dell’ordine non bloccano completamente le connessioni P2P. Invece, si occupano di venditori di CD e pirati e di siti porno al di fuori del paese. Gli ISP limitano la condivisione P2P bloccando i tracker o impostando la velocità massima di upload.

Portogallo

Il torrenting in Portogallo è considerato illegale se implica il caricamento, il download e in generale la condivisione di materiale protetto da copyright. Il Tribunale portoghese per la proprietà intellettuale ha emesso un ordine presso gli ISP locali per iniziare a bloccare l’accesso ai siti torrent con il Pirate Bay come obiettivo principale. Gli ISP hanno bloccato completamente l’accesso a Pirate Bay, incluso l’accesso tramite proxy. L’altro famoso sito di torrenting, Kickass Torrents affronta la possibile eliminazione nel prossimo futuro.

Un’altra mossa che il paese sta usando per contrastare la violazione del copyright è l’uso di un sistema volontario di blocco dei siti pirata. Questo è un accordo tra ISP, detentori del copyright e ministeri competenti. Permette ai proprietari del copyright di aggiungere nuovi siti pirata senza alcun intervento da parte del tribunale, quindi il governo attraverso gli ISP blocca questi siti illegali.

Australia

L’Australia ha recentemente approvato una legge che vieta e blocca i siti di torrenting. Questa legge è stata decisa dopo che le statistiche hanno dimostrato che gli australiani sono i secondi più alti perpetratori di download illegali che costano milioni di dollari ai proprietari di contenuti in mancate entrate. Siti web come The Pirate Bay, Project Free TV e Kickass Torrents sono già stati bannati. Tuttavia, il potere di bloccare questi siti si applica solo a coloro che operano al di fuori dell’Australia.

Agli ISP è stato dato il via libera per monitorare l’attività di torrenting, la cronologia di navigazione e altri eventi online dei propri cittadini a scapito della privacy degli utenti. Questi dati vengono quindi conservati per un periodo di 2 anni e possono essere richiesti dalle agenzie governative durante questo periodo.

Secondo l’atto del copyright australiano, chiunque sia stato trovato in violazione delle leggi sul copyright impostate potrebbe subire una multa fino a $ 117.000 per gli individui e fino a $ 585.000 per le società. Il possibile periodo di reclusione è fino a 5 anni.

Italia

L’Italia non è così severa quando si tratta di accedere a siti come Facebook, YouTube e Google. Tuttavia, il torrenting e l’accesso ai programmi geo-bloccati non vengono presi alla leggera. Nel 2015, ha lanciato il suo blocco di siti torrenting più significativo. Ciò ha comportato l’oscuramento di oltre 120 siti di torrent internazionali da parte degli ISP locali. Da allora, dozzine di domini e siti sono stati censurati sia all’interno che all’esterno del paese. Se giudicato colpevole di torrenting illegale, potreste dover affrontare un periodo di prigione da sei mesi a tre anni e una multa fino a $ 17.756.

Malesia

Nel 2016, la Malesia è stata classificata da Irdeto, leader mondiale nella sicurezza delle piattaforme digitali, come secondo maggior partecipante ai contenuti illegali nel Sud-Est asiatico. Ciò ha spinto il paese a sviluppare rigide politiche di censura. Lo stato ha progettato programmi di sorveglianza internet per monitorare le attività di navigazione dei suoi cittadini che vengono poi archiviati in una biblioteca nazionale. Questa libreria viene utilizzata per tracciare e archiviare gli indirizzi IP, le posizioni, caricare e scaricare la cronologia come dettagli di utilizzo.

Chiunque gestisca un sito illegale di torrent in Malesia potrebbe essere classificato in violazione del Copyright Act a prescindere dall’intenzione. Se giudicato colpevole, la sanzione è una multa non superiore a $ 4885 per ogni copia, o un periodo di prigione fino a 5 anni o entrambi.

Conclusione

Quando si tratta di torrenting, ciò che è considerato illegale è relativo al paese in questione. Pertanto, a volte è difficile capire fino a che punto il torrenting sia illegale. Per evitare problemi legali, o nel caso di espulsione di stranieri, è meglio evitare di scaricare file protetti da copyright da siti torrent.




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

DOPO BELLANO-VENDROGNO: FUSIONI DEI COMUNI, CHE FARE?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




IN VOLO VERSO LA VALSASSINA

VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO