RAPINA NEI BOSCHI, “INTROBIESE” IL 23ENNE DI ORIGINE MACEDONE IN CARCERE



LECCO – Risiede a Introbio con madre e sorella H. M., il 23enne originario della Macedonia ora in carcere con l’accusa di rapina aggravata, lesioni personali gravi e porto illegale d’armi (ma non di tentato omicidio).

I fatti sono noti: il giovane, con precedenti per rapina, ha aggredito nei boschi tra Ballabio e il territorio di Lecco sabato sera insieme a un complice albanese uno spacciatore marocchino di 18 anni. Quest’ultimo stava fornendo  droga a un 25enne e a un 33enne. Nell’abitazione introbiese del fermato, gli agenti dell’Antidroga della Squadra Mobile di Lecco avrebbero ritrovato un proiettile compatibile con l’arma che ha lesionato due dita del pusher (pistola che però non è ancora stata rinvenuta).

Il macedone, assistito dagli avvocati Fabrizio Goretti ed Elisa Sarti, ha dichiarato di non aver voluto uccidere nessuno. Al termine dell’ interrogatorio di garanzia il Gip del tribunale di Lecco Paolo Salvatore non ha convalidato l’arresto, ma è stata confermata la custodia cautelare in carcere del 23enne.

LEGGI ANCHE:

SPARATORIA NEI BOSCHI DI BALLABIO: TROVATO A CASA “COME NIENTE FOSSE”, ADESSO È IN CARCERE

 

 

 




‘BLITZ’ A SANT’ALESSANDRO

I "TEST" DI VALSASSINANEWS

COMUNITÀ MONTANA VALSASSINA, SEI SODDISFATTO?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

ottobre: 2019
L M M G V S D
« Set   Nov »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031