DON GABRIELE COMMENTA IL VANGELO DELLA 6ª DOMENICA DOPO IL MARTIRIO DI SAN GIOVANNI



A volte il comandamento di amare che ci ha lasciato Gesù riguarda tutti, addirittura perfino i nemici. Nel vangelo di oggi invece c’è una motivazione particolare: “perché è mio discepolo”. Questo brano si inserisce nell’insegnamento che Gesù dà ai suoi apostoli prima di inviarli in missione e dice: “Chi accoglie voi accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha inviato”.

Essere discepolo di Gesù vuol dire andare agli altri avendo Lui e la sua parola nel cuore, ed allora accade una cosa straordinaria: accogliere una persona che viene a noi così vuol dire accogliere Gesù stesso e il Padre.
E’ Dio che ci spalanca le porte alla comunione con Lui.

Nelle stesse istruzioni Gesù aveva detto: “vi mando come pecore in mezzo ai lupi” e poi aveva dato le indicazioni della povertà perché la ricchezza e la forza del discepolo sono la sua unità con il Maestro.

Non è una strada facile, ma c’è una comunione che non abbandona mai:
“neppure un capello del vostro capo andrà perduto”,
“Io sono con voi sempre”.

Tutte queste indicazioni le ritroviamo oggi nella parola:
“Chi accoglie voi accoglie me e il Padre”.

In mezzo agli uomini siamo portatori di Gesù e della sua Parola, e della possibilità di vivere in comunione con Lui e con il Padre. Questa possibilità di comunione con Dio offerta agli uomini non passa attraverso delle idee, non è una cosa che quando la conosci la possiedi. E’ una vita: per questo si esprime attraverso l’accoglienza di persone.

Anche il Vangelo e i Sacramenti non sono altro che l’accoglienza di Gesù e della sua Parola. Se non sono questo diventano argomenti di studio o semplici riti, ma non accoglienza della comunione con Dio, mentre questa è la vita vera, la vita capace di appagare il cuore, la salvezza.

Questo Vangelo ci fa pensare anche al modo di come vengono accolti i nostri missionari.

E’ vero che tante volte vengono rifiutati o perseguitati, ma tante altre volte vengono accolti con riconoscenza e con gioia, non tanto perché portatori di beni materiali, anche da persone di altre culture o religioni.

Ci dà gioia pensare che in questa nostra umanità così spesso divisa, il Signore costruisce in questo modo comunione con Lui e fra noi, e prometta la ricompensa a chi lo accoglie nella persona di un suo discepolo.


Don Gabriele Carena

Vicario Parrocchiale

 

 

 

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

CHE SI DICE DEI VALSASSINESI FUORI DALLA VALLE?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




IN VOLO VERSO LA VALSASSINA

VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

ottobre: 2019
L M M G V S D
« Set   Nov »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031