BUONO SCUOLA LOMBARDIA, C’È TEMPO FINO AL 26 NOVEMBRE PER FARE DOMANDA



MILANO – Per aiutare tutte le famiglie in difficoltà, in questi momenti assai difficili per la nazione e per il mondo intero, la Regione Lombardia ha pubblicato il bando per un aiuto finanziario considerevole, in modo da favorire la presenza a scuola, in un momento nel quale si parla spesso di didattica a distanza per ovvi motivi, e la continuità nello studio.

Questo sostegno finanziario è attivo già dal 5 di ottobre, data in cui le varie famiglie hanno potuto inviare la loro domanda compilata, e sarà disponibile fino al 26 di novembre. 

L’aiuto mira a intervenire per permettere agli studenti che frequentano le scuole paritarie che prevedono una retta di iscrizione, dalla primaria alla secondaria di secondo grado, di continuare il loro percorso di studi in armonia, senza doverlo interrompere o cambiare istituto.

I soldi sono finalizzati al pagamento della retta scolastica, come anche all’acquisto di materiale utile allo studio, come cartelle, libri, quaderni, penne e qualsiasi altro articolo di cartoleria, ma anche tecnologia utile (o meglio indispensabile) per la continuità dell’apprendimento, soprattutto in previsione dalla FAD (formazione a distanza), come router per assistere alle lezioni in sicurezza e con più dispositivi connessi, computer o tablet, mouse, webcam e molto altro. 

Insomma, i genitori non devono affatto preoccuparsi, se non del rendimento accademico dei loro ragazzi, il cui futuro si tenta di salvaguardare, dal momento che vengono considerati preziosi per il Paese. La Lombardia sta puntando tutto sull’istruzione e si vede non soltanto da questo provvedimento, avendo messo sul piatto della bilancia ben 24 milioni di euro solo per questo sostegno a fondo perduto.

La dote scuola promette di essere una delle tante idee e sovvenzioni messe in atto per garantire il benessere dei suoi cittadini. Lo stesso, purtroppo, non si può dire per tante altre località e comuni dove ancora oggi non arrivano fondi a sufficienza per garantire pari opportunità allo studio e dove, in alcuni casi, mancano ancora persino i banchi per riuscire a fare lezioni di presenza. 

Il Presidente della Regione Lombardia è soddisfatto per i risultati raggiunti fino ad ora dalle istituzioni, che si sono fatte carico, letteralmente, della sopravvivenza dei contribuenti. Si spera che si possa fare sempre di più e soprattutto che anche altre regioni decidano di imitare il suo esempio.

Per poter presentare la domanda sarà obbligatorio accedere al sito Internet http://www.bandi.regione.lombardia.it/ usando o il codice pin della Cns (Carta nazionale dei servizi) o codice Spid (Sistema pubblico di identità digitale) e in caso di problemi tecnici è possibile chiamare il numero verde 800.131.151 dal lunedì al sabato dalle 8 alle 20 oppure scrivendo una e-mail all’indirizzo bandi@regione.lombardia.it

In un momento storico così difficile dal punto di vista economico e sanitario per tante persone l’auspicio è, che al netto delle polemiche, delle proteste e dei litigi che coinvolgono politici di diverse fazioni e anche i cittadini, si ritrovi un’unità di intenti per uscire indenni dalla più grande crisi globale dal dopoguerra ad ora.

 




‘BLITZ’ A SANT’ALESSANDRO

I "TEST" DI VALSASSINANEWS

SCUOLE, DAD O IN PRESENZA?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

novembre: 2020
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30