ALL’ALBERGHIERO, RIMANE INDIGESTO IL POSTO LEGHISTA IN CDA. SI RIPROPONE IL “METODO CASARGO”?



CASARGO – Quante storie per un consiglio di amministrazione pressoché definito, alla guida dell’agenzia che controlla il CFPA di Casargo… Il rinnovo del Cda dell’APAF deve avvenire in tempi stretti, alla scadenza del mandato triennale, ma quando tutto pareva definito (e ribadito, con i tre membri uscenti confermati) ecco che nella Lega emergono dissidi, con la “vecchia” componente che soffia sul fuoco tentando di rimpiazzare il proprio referente nonché capo del movimento in Valsassina Bruno Zerbin.

Un “fuoco amico” per portare in consiglio una donna, da scegliere tra Jessica Locatelli e Martina Gilardi.

Dietro alle grandi manovre ci sarebbe il candidato sindaco a Casargo malamente sconfitto dal suo omonimo, Giovanni Pasquini, già protagonista di un incredibile sodalizio Lega-Pd con l’ex prima cittadina Pina Scarpa.

Non a caso, la località dell’Alta Valle che ospita l’Alberghiero è protagonista di questo strano valzer con la riproposizione di una sorta di “metodo Casargo” che potrebbe far rimanere fuori pista proprio il responsabile valsassinese dei leghisti.

Ma lui, Zerbin, che ne dice?
Ecco le sue dichiarazioni raccolte in esclusiva da VN: “Sono a conoscenza di queste manovre, resto convinto che il Cda rimarrà quello uscente ma certo, siamo ben fuori come tempi (si riferisce al fatto che la nomina doveva essere fatta intorno al 3 febbraio, quasi 10 giorni fa, Ndr). Io ho la coscienza a posto, in tre anni e mezzo mi sembra che abbiamo rimesso in carreggiata l’agenzia e dunque che questo consiglio di amministrazione abbia lavorato al meglio delle sue possibilità. Conosco – ma non ne voglio parlare – le motivazioni che all’interno della stessa Lega mettono in discussione proprio il mio ‘posto’ e non ne faccio una guerra di religione. Però l’esperienza trentennale da dirigente d’azienda, quella politica e il ruolo di referente in Valsassina dovrebbero valere qualcosa. La decisione verrà presa in queste ore dalla presidente Hofmann, vedremo come andrà a finire”.

Parole signorili, che paiono distantissime per stile e contenuti rispetto alle beghe e baruffe che caratterizzano da tempo l’andamento della Lega a livello provinciale. Della quale Zerbin è stato ed è un pezzo importante (fu anche tra i vari incarichi responsabile cittadino lecchese).

Sullo sfondo, mire e giochi di potere che – riferiscono i bene informati – avrebbero un obiettivo preciso (e “umano”): il direttore del Cfpa Marco Cimino.

Il suo posto, peraltro a tempo indeterminato, sembra fare gola a qualcuno di ben noto nel mondo politico-amministrativo di Lecco e dintorni. E anche se all’uomo della strada pare incredibile che dall’esterno si possa puntare a un ruolo tecnico svolto al meglio, a un ‘posto fisso’ e ben difeso, la politica può questo e altro. Almeno negli intenti…

RedPol

VIDEO: RIFIUTI SOTTO LE ANTENNE

I "SONDAGGI" DI VALSASSINANEWS

NUOVA COLATA DI CEMENTO SULL'ALTOPIANO VALSASSINESE

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

febbraio 2022
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28