CONFCOMMERCIO E ALTA VALSASSINA: POCHE PRESENZE MALGRADO GLI SCONTI



Una trentina i presenti alla serata organizzata da Alta Valsassina (AV) lunedì sera alla scuola alberghiera di Casargo. Gli ingredienti per una migliore partecipazione c’erano tutti in virtù degli argomenti trattati, ma così non è stato. E nel suo discorso introduttivoo, lo stesso presidente di AV Stefano Gianola non ha nascosto che si sarebbe aspettato una maggiore affluenza, ma nel contempo ha auspicato che siano i presenti stessi ad essere la cassa di risonanza di quanto discusso. Buona invece la risposta delle istituzioni con la presenza dei sindaci di Casargo, Margno, Premana e la rappresentanza di Crandola, Presenti anche Cimino e Silverij direttore e presidente del CFPA.

Sul palco la Confcommercio di Lecco con il presidente Peppino Ciresa che ha dichiarato di “sentirsi a casa”, il segretario Generale Alberto Riva e, per il Fondo di Garanzia, il presidente Alberto Peccati. Sul tavolo la volontà di dar seguito ad alcune iniziative-spot avvenute nel corso degli anni tra Alta Valsassina e Confcommercio in modo da creare sinergie ed un rapporto più strutturato che si svolga nel tempo e direttamente sul territorio.

Superata la fase introduttiva in cui Gianola ha ricordato alcuni degli impegni e dei numeri dell’Agenzia Turistica che rappresenta, la parola è passata agli ospiti che hanno esposto di cosa si occupa Confcommercio. Riva ha ricordato quali siano le leve attraverso cui si svolge l’attività dell’Unione Commercianti Lecchesi: la prima è la rappresentanza politica della categoria, la seconda, che è stata il vero nocciolo della serata, l’erogazione di servizi per gli associati attraverso diversi canali.

Tra i servizi offerti quelli a carattere generale come alcune riduzioni di cui è possibile beneficiare grazie alle convenzioni stipulate in diversi ambiti (SIAE, prodotti informatici, Noleggio auto, Sanità, assicurazioni..),ma anche, e soprattutto, la possibilità di un canale di dialogo personalizzato con l’Alta Valsassina. In particolare la previsione di Confcommercio di utilizzare un listino prezzi con sconti tra 10 e il 20% per i corsi obbligatori in materia di sicurezza a cui si iscriveranno gli associati all’Agenzia di Sviluppo Turistico Alta Valsassina.

I corsi, una volta raggiunta la quota di 10 iscritti, si svolgeranno nella sede di AV a Crandola per meglio venire incontro alle esigenze del territorio. Ma non solo,  in cantiere anche la possibilità di altri approfondimenti ad hoc su altri temi di interesse quali, ad esempio, la lingua inglese, l’informatica, il Marketing o l’E-Commerce e la disponibilità a promuovere il territorio con convegni e seminari

Antonio Peccati dal canto suo ha invece evidenziato come il Fondo di garanzia, in considerazione dell’esperienza maturata e della collaborazione con 17 Banche della Provincia,  possa essere un valido aiuto per commercianti, arrivando a garantire il 50% del credito. Tuttavia “non deve essere persa di vista la realtà, e bisogna distinguere dove si può finanziare e dove no”.

A conclusione dell’incontro parola ai primi cittadini intervenuti che non si sono limitati a fare i padroni di casa, ma hanno pungolato i rappresentanti di Confcommercio a farsi portavoce di molte problematiche della categoria, a cui la politica nazionale non ha saputo dare risposta. Pina Scarpa (Casargo) in particolare ha posto l’accento sui rischi e la contrazione dei consumi a seguito dell’aumento dell’IVA; Il sindaco di Premana Silvano Bertoldini ha invece richiamato come la TARES produrrà un aumento dei costi per la categoria, mentre Massimiliano Malugani di Margno non ha potuto che condividere con i presenti la difficoltà nell’essere primo cittadino in un momento di ristrettezze e in cui si deve veicolare il messaggio che "il Comune non è un Bancomat”.
 

 

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

CHE SI DICE DEI VALSASSINESI FUORI DALLA VALLE?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




IN VOLO VERSO LA VALSASSINA

VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO