DOPO LE CRITICHE, SILVERJ PRONTO ALLE DENUNCE. E LA SCARPA DIFENDE IL CFPA



Non si placano le polemiche intorno alla questione della vocazione "commerciale" del Cento di Formazione Professionale Alberghiero di Piazzo, meglio noto come CFPA. Se nelle ultime ore singoli operatori economici e la principale federazione di categoria sono tornati a criticare i banchetti nella struttura in Alta Valsassina e qualcuno ha richiamato il tema della presunta "concorrenza sleale", sabato pomeriggio è il momento delle difese d’ufficio. E del ribaltamento delle accuse.

APAF (ALBERGHIERO CASARGO): UNANIME OK AL BILANCIO, ECCO DUE NUOVI PROGETTI Durissimo in questo senso Francesco Maria Silverij, il presidente dell’APAF – Agenzia Provinciale per le attività formative, che di fatto controlla la scuola alberghiera. Dovremmo dire "incazzatissimo", perché i toni del dibattito ora hanno indispettito l’uomo e l’Agenzia. Al punto da far dire a Silverij che : "Anche se non sono il rappresentante legale, la questione d’ora in poi verrà passata ai nostri avvocati". Evidentemente, dopo avere spiegato dettagliatamente la propria posizione (vedi la nostra intervista di cinque giorni fa), l’APAF si ritiene diffamata proprio dall’accusa di "concorrenza sleale". "Come già detto e ripetuto – chiude il discorso il presidente – noi siamo perfettamente in regola e non facciamo concorrenza a nessuno dato che promuoviamo iniziative aperte solamente a gruppi di oltre 200 persone. E in tutta la Valsassina none esistono locali di queste dimensioni che possano quindi dirsi danneggiati dalla nostra attività".

Proprio duecento circa (217 coperti per la precisione) erano i commensali oggi a Piazzo in occasione della celebrazione ufficiale del 25 aprile – differita ad oggi – andata in scena a Casargo. Una cerimonia voluta dal sindaco Pina Scarpa, che sul tema del CFPA è altrettanto esplicita: "Casargo non avrebbe avuto un centro formativo a livello europeo se la Regione non avesse rimodernato, ampliandola la struttura". Scarpa precisa che: "L’accordo di programma siglato con l’ente regionale, la Provincia di Lecco e la Comunità Montana della Valsassina prevede il pieno utilizzo della struttura anche nei periodi in cui essa non funziona come scuola". Il territorio, inoltre, non ha attualmente strutture alberghiere in grado di ospitare persone trecento persone, né alberghi per gruppi di disabili. Spesso gli abitanti della Valle scelgono di scendere sul lago o di andare in Valtellina quando necessitano di spazi ampi. Il CFPA sta offrendo un punto, vicino, di eccellenza anche da questo punto di vista. E’ un servizio per il territorio, perché ne integra l’offerta. L’arrivo dell’ANPI di Paderno Dugnano, ad esempio, ha permesso la scoperta della nostra zona e delle sue bellezze incontaminate. In più, dopo Casargo è prevista la visita a Tartavalle, all’impianto produttivo d’imbottigliamento delle acque termali. Non spetta a me fare promozione turistica, ma sono orgogliosa di questa visita che avviene nell’occasione di un importante momento di ricordo".

Infine, di oggi anche la posizione, decisamente più morbida rispetto all’altra organizzazione dei commercianti, da parte di Confesercenti Lecco. che per bocca del suo presidente Lionello Bezzi parla di "un momento di crisi, nel quale inevitabilmente emergono maggiormente eventi di questo genere. In linea generale, l’attività del CFPA in senso ‘commerciale’ è a nostro avviso sopportabile a patto che non diventi in qualche modo professionale". Un’opinione molto simile a quella espressa a VN giusto ieri dal presidente dell’Agenzia Alta Valsassina, Stefano Gianola.

 

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

MALTEMPO: FA ANCORA PAURA?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




IN VOLO VERSO LA VALSASSINA

VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO