LA LETTERA/COLDOGNA: ”MANCANZA DI RISPETTO DEFINIRE LA PETIZIONE UNA FARSA”



Di seguito la lettera firmata da una famiglia residente nella zona interessata; i tre firmatari sono tra i sottoscritori della famosa petizione contro il progetto immobiliare, una raccolta di firme che il titolare dell’area Umberto Torre ha definito "una farsa". Ecco che ne pensano gli autori della lettera:


COLLINETTA DI COLDOGNA

Egregio Sig. Direttore,
in riferimento a quanto contenuto nel comunicato a firma del Sig. Torre Umberto, per ciò che  riguarda la raccolta firme a sostegno della delibera di giunta comunale n. 52/2011 a tutela della collina di Coldogna, che dallo stesso viene definita una “farsa”, i sottoscritti Franco e Marco Combi e Valeria Invernizzi, che sono  3 dei 143 firmatari,  formulano le seguenti domande e considerazioni:

1) la raccolta di firme che ad oggi, è ancora uno strumento previsto dall’ordinamento giuridico, è nata in seguito ad un dibattito interno tra residenti e villeggianti di Coldogna su future destinazioni della collina, in riferimento ad articoli apparsi su vari organi di stampa locale; alla raccolta firme  hanno in seguito aderito residenti e villeggianti di altre zone di Barzio;
2) il testo della raccolta firme che si compone di poche e semplici righe è stato preparato insieme da residenti e villeggianti di Coldogna;
3) definire una farsa la raccolta firme, in totale 143, significa non avere rispetto e considerazione dell’opinione dei firmatari; a nostro parere ben fanno i “paladini” a difendere il suo territorio, unico rimasto integro in Barzio, dovrebbe andarne fiero!;
4) Signor Torre, si chiede di sapere i nomi dei noti ed esperti promotori da lei menzionati, chi sono?;
5) Signor Torre, il suo comunicato è stato redatto personalmente da lei o preparato da qualcun’altro?

Per sua conoscenza, Signor Torre, qualora non ne fosse ancora al corrente, si fa presente che negli ultimi decenni   numerose strutture alberghiere e locande presenti in paese (per citare i più noti esempi: Albergo Barzio, Albergo Stella, Albergo Principe, Albergo Villa dei Pini e altri ancora) hanno cessato la propria attività e sono stati trasformati in residences. Inoltre si rappresenta che nell’ambito del paese, come ormai dappertutto, da alcuni anni a questa parte, sono sempre più in aumento gli immobili sfitti, basta vedere le decine di cartelli con la dicitura “affittasi” o “vendesi”  sparsi sul territorio.

Si pensa con questo di aver fornito chiare delucidazioni in merito alle sue considerazioni.  

Concordiamo con lei sul fatto che sarà il tempo a stabilire chi avrà ragione: ai posteri l’ardua sentenza.

Franco Combi, Marco Combi, Valeria Invernizzi

 

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

IL PONTICELLO "FANTASMA" ALLA BOCCA DI BIANDINO

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




IN VOLO VERSO LA VALSASSINA

VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO