INTROBIO/CONTRADE ARTIGIANE SOTTO LA TORRE. COLORI PASSIONI, PROFUMO DI POLENTA



Nell’atmosfera conviviale che ha anticipato il sapore del Natale, nonostante la mancanza di diversi espositori, dato il meteo ostile, il mercatino ha dipinto le antiche contrade di interessanti manufatti artigianali, riproduzioni fedeli di baite, gerle, fontanini e non sono mancate le creazioni delle mani femminili che ancora si cimentano in pizzi, ricami e decorazioni più moderne.

Tra bancarelle ornate a festa, racconti di come vengono realizzati i prodotti della creatività fai da te, non è mancata la presenza dei volontari del C.A.I. con polenta, trippa e vin brulè. Interessante l’accostamento tra prodotti tipici locali come il miele d’acero, con i fiori germogliati dalle pigne e dal legno, elastici che diventano bracciali con cromatismi giocosi, accessori impreziositi da farfalle e rose di feltro, composizioni di fiori secchi e oggetti ovviamente natalizi. Il tutto ha profondamente ricordato quella necessità dei borghi della valle di far rivivere i luoghi che sopravvivono alla smania edilizia contemporanea e raccontano il passato fatto di persone, botteghe e semplicità.

Al centro del percorso espositivo il prof. Marco Sampietro era presente con le stampe del prezioso lavoro di rievocazione e ricerca storica su Villa Migliavacca, "un castello in valsassina", che è stato presentato domenica 7 dicembre (info: marco.sampietro@hotmail.it) . Una pubblicazione d’alto valore culturale e dall’imperdibile lettura, ottimo regalo di Natale per la propria libreria e per quella degli amici.  Confidando che la natura di queste manifestazioni permanga nel tempo, ci incamminiamo verso le festività rievocando lo spirito delle strade d’un tempo, dove il ritmo lento e il lavoro certamente più faticoso, erano sostenuti dalla geniale manualità e dai profumi che uscivano invitanti dalle finestre fiorite delle corti.

…Torno torno la fontana, dove i sassi san le storie, se gà perso le memorie che raccontan la contrà. Non se ride, non se canta, non se fa filo la sera. Non vien più la primavera, la montagna xe malà. Su, in contrà de l’acqua ciàra…
[da La contrà de l’acqua ciàra, B. De Marzi]

 

 

 

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

COMUNITÀ MONTANA, CHE FINE HA FATTO ?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

STRADE VUOTE, LA VALLE ‘RISPETTOSA’

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO