PARCO FAUNISTICO: DENARO PUBBLICO E BUONI PROPOSITI, PER UNA SETTIMANA DI APERTURA IN SEI ANNI



MARGNO – Ancora lontani dal comprendere come finirà la vicenda del Parco faunistico ai Piani delle Betulle (ripercorri qui gli ultimi avvenimenti), possiamo a grandi linee ricostruire su quali basi è nato il progetto e quali risultati ha raggiunto.

Partorito nei primi anni del nuovo millennio, tempi di scarse nevicate e crisi turistica, il Parco avrebbe dovuto imporsi come traino per un nuovo turismo didattico e per famiglie in Alta Valle. Per la realizzazione e l’avvio delle strutture è stata impegnata una cifra ben superiore al milione di euro – denaro ovviamente pubblico -, di cui ben 584.000 € destinati al “percorso didattico naturalistico accessibile ai disabili in località Pra Cainarca nel comune di Margno”, ed altri 494.000 € impegnati per il progetto gemello di “recupero, ristrutturazione e adeguamento funzionale Baita Alpe Ombrega Bassa da destinare a struttura d’accoglienza con completamento della viabilità d’accesso, nei comuni di Casargo e Crandola”.

Volendo declinare sempre con i numeri gli obiettivi raggiunti, dopo tutto quello che è stato scritto questa settimana, da quando una cerva è stata trovata morta e dal tentativo non autorizzato di cattura, la cifra però non può essere “zero”. Qualcuno ricorda infatti con estrema soddisfazione quella settimana dell’estate 2014 in cui un’apertura/test del Parco portò alle Betulle circa 1.500 persone, soprattutto bambini, entusiasti di vedere da vicino gli animali presenti nel recinto.

Tuttavia il Parco visse un “breve periodo di splendore” anche prima che la Provincia acquistò due cerve, prima che nel 2012 vennero introdotti nell’habitat i due caprioli (qui il video), e prima ancora che la cooperativa sociale KWA di Galbiate ottenne la gestione della struttura in Pra Cainarca.

Sono infatti ancora in rete due lontane brochure informative della Provincia di Lecco nelle quali si invitava tanto per l’estate 2010 quanto per l’anno successivo a scoprire l’Alta Valsassina, approfittando di una domenica di giugno per un’alternativa giornata tra arte, natura e gastronomia, che comprendeva anche la visita al parco faunistico.

Un mezzo milione di euro per recinto e percorso, dicevamo. Ma si sa, il sorriso di un bambino non ha prezzo.

 

attività provincia estate 10 ok

 

attività provincia estate 11 ok

C. C.

 

 

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

DOPO BELLANO-VENDROGNO: FUSIONI DEI COMUNI, CHE FARE?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




IN VOLO VERSO LA VALSASSINA

VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

dicembre: 2015
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031