MORTE DI PISCHEDDA, LA FAMIGLIA VUOLE I NOMI DI CHI HA SBAGLIATO



LECCO – La famiglia dell’agente Francesco Pischedda si opporrà alla richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura di Lecco chiedendo di mettere a confronto le perizie. Posizione chiara quella dei parenti del poliziotto morto a Colico inseguendo un delinquente la sera del 2 febbraio scorso.

Le indagini della squadra mobile consegnate in procura hanno messo in dubbio tempistiche e modalità dei soccorsi portati al collega, e tra un mese il gip Massimo Mercaldo dovrà pronunciarsi in merito alla richiesta di archiviazione del sostituto Paolo Del Grosso.

La procura nelle sue conclusioni spiega che è difficile accertare le responsabilità mediche dei singoli – racconta Andrea Morleo su Il Giorno – e che, semmai, si tratta di un disservizio del sistema sanitario e dunque si è pronunciata per l’archiviazione. Diversamente i familiari del poliziotto punteranno all’imputazione coatta chiedendo che si facciano i nomi di chi ha sbagliato e al contempo di mettere a confronto la perizia del consulente del pubblico ministero con le due della difesa, che invece ravvisano evidenti responsabilità.

> LEGGI TUTTO su

 

 

 

 




LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

METEO Valsassina




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

COME TI COMPORTI IN OCCASIONE DEL "BLACK FRIDAY"?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

VN SU FACEBOOK