LECCO-BALLABIO, LA SOLUZIONE AIROLDI: “MOVIERI” SULLE DUE STRADE



INTROBIO – Mentre altri sindaci e rappresentanti di Comuni e istituzioni cercano di mettere a punto soluzioni che vadano bene ad Anas e pendolari (ma nonostante parecchi strombazzamenti in materia, non pare si sia ancora giunti al rimedio definitivo), arriva da Introbio una proposta in totale autonomia e probabilmente “centrata”.

airoldi introbioIl borgomastro del paese di Centro Valle Adriano Airoldi ha infatti caldeggiato in queste ore l’ipotesi di posizionare durante i lavori che, comunque vada, andranno fatti sulla nuova Lecco-Ballabio dei “movieri“, addetti dell’Anas o comunque incaricati, che regolino la circolazione evitando code, imbottigliamenti e paralisi del traffico. Perché il fattore umano e non i semafori che qualcuno aveva suggerito, vedendosi bocciata la proposta? Semplice: l’impianto semaforico tiene chiuso il tratto anche quando non serve e in effetti, in caso di code in particolare da Lecco verso Ballabio potrebbe creare le problematiche paventate dal Comune capoluogo. I movieri invece potrebbero – opportunamente istruiti e costantemente informati sulla situazione – contribuire ad evitare il caos. Non solo sulla “nuova”, oggetto del malaugurato cantiere, ma anche sulla vecchia strada da Ballabio ai quartieri alti di Lecco, nei primi giorni della settimana teatro di inenarrabili serpentoni di veicoli fermi o quasi. In ogni caso, dice il sindaco ontrobiese, i camion non devono scendere dalla vecchia strada.

Ascolteranno Airoldi? Per il momento la discussione è aperta e s’avanzano nuove chiusure per la tormentata strada che qualcuno si ostina a chiamare “veloce” tra la Valsassina e la città. I movieri poi sembrano non piacere a quegli enti che banalmente dovrebbero pagare questi addetti.

Incrociamo le dita. Ma forse non basterà.




LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

METEO Valsassina




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

COME TI COMPORTI IN OCCASIONE DEL "BLACK FRIDAY"?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

VN SU FACEBOOK