RASSEGNA ORGANISTICA, CONCERTI A BARZIO E MARGNO NEL WEEKEND



BARZIO/MARGNO – Arriva da Pordenone il maestro Alberto Gaspardo, prossimo ospite della 47esima Rassegna organistica valsassinese, il quale venerdì 17 agosto proporrà al pubblico dell’organo Mascioni di Sant’Alessandro “Choralbearbeitung“, una serata dedicata allo sviluppo ed evoluzione del corale organistico da Bach al Romanticismo tedesco con un programma in gran parte incentrato sul compositore che legò il suo nome alla cattedrale di Lipsia senza dimenticare Felix Mendelssohn e Max Reger.

Gaspardo inizia gli studi musicali di pianoforte ed organo all’età di cinque anni con il maestro Daniele Toffolo. Cresciuto al Conservatorio di Udine, è stato affiancato negli studi da diverse personalità musicali tra cui i maestri Scopel (Improvvisazione), Gregoletto (Clavicembalo), Themel (Direzione d’orchestra) e Antoniotti (Organo). Sotto la guida di quest’ultimo si è diplomato con il massimo dei voti e la lode in Organo e Composizione organistica. Si è perfezionato con maestri di fama internazionale, dal 2006 collabora con diverse formazioni orchestrali e realtà corali. Numerosi i premi e riconoscimenti, lo scorso anno ha ricevuto il “Premio Nazionale delle Arti” per la sezione Organo, riconoscimento ministeriale rilasciato ai migliori allievi diplomati nei conservatori italiani, mentre quest’anno gli è stata assegnata la Swiss Government Excellence Scholarship, borsa di studio rilasciata dal Governo svizzero alle eccellenze musicali, paese dove studia attualmente.

Sabato sera l’appuntamento con la Rassegna si sposta in Alta Valle. All’organo Bernasconi del 1859 si siederà Massimo Borassi, accompagnato dal violino di Carlo Bellora. Il due maestri lecchesi proporranno brani per violino e organo con una particolare attenzione al Barocco partendo dal Seicento di Weckmann e Buxtehude fino a Vivaldi, Corelli, Handel e Telemann.

Massimo Borassi ha studiato organo e pianoforte all’istituto G.Zelioli di Lecco con Gianluca Cesana, ha poi frequentato il conservatorio Verdi di Milano diplomandosi in Organo e Composizione organistica con la professoressa Ivana Valotti. Ha seguito diverse masterclass e corsi di perfezionamento con B . Ripoll, ad Alkmaar (Amsterdam), con W. Zerer, V. Dijk, A. Marcon sulla musica barocca nordica, a Herzberg (Germania) con L. Lohmann sull’opera di F. Mendelssohn, con E. Viccardi, M. Valsecchi e M. Radulescu. Ha suonato come solista, in formazioni corali, orchestrali e da camera in importanti rassegne e festival. Ha eseguito in prima assoluta composizioni di autori contemporanei e viventi tra cui E. Esposito, A. Sacchetti, A. Mazza e R. Giavina. Attualmente è docente di Organo e Formazione musicale di base all’Istituto Civico Musicale “G.Zelioli” di Lecco.

Diplomato in violino al Conservatorio di Milano anche Carlo Bellora, laureato in lettere moderne ad indirizzo musicologico e si sta perfezionando nel violino barocco con Sigiswald Kujken e con il primo violino di Europa Galante, Fabio Ravasi. In questi anni ha alternato l’attività concertistica a quella musicologica, esibendosi in vari concerti in duo con il pianoforte o con il clavicembalo, in duo e trio d’archi o con la fisarmonica. Ha collaborato con importanti istituzioni quali l’Accademia Chigiana di Siena, la Società Italiana di Musicologia, con famose enciclopedie internazionali come The New Grove Dictionary of Music and Musician e Die Musik Geshickte und Gegenwart e testate specialistiche come Amadeus e Brescia Musica. Ha scritto per Deutsche Grammophone, Decca, per Dynamic e per Famiglia Cristiana alcune note di copertina per importanti CD di musica cameristica e sinfonica. Dal 2002 al 2006 è stato il curatore dell’Ufficio Letteratura Musicale dell’Orchestra Verdi di Milano e dal 2007 al 2009 dell’archivio di Casa Musicale Sonzogno di Milano. Da più di dieci anni collabora come critico musicale per la rivista Musica, recensendo CD e libri di musica cameristica, sinfonica e intervistando musicisti del calibro di Giuliano Carmignola, Vicktoria Mullova, Fabio Biondi. Ha pubblicato per l’editore Zecchini il libro Filippo Manfredi, la biografia e l’opera strumentale, volume realizzato con il contributo del CNR nazionale e segnalato al R.I.L.M. Nel
2013 sempre per Zecchini ha collaborato alla redazione del manuale Guida all’ascolto della musica da concerto. Da anni tiene conferenze e lezioni-concerto sul rapporto musica-letteratura e musicaarti figurative. Insegna Storia della Musica presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali “G. Puccini”, pareggiato a Conservatorio, di Gallarate. Ha catalogato tutta la biblioteca del medesimo I.S.S.M.

 




LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

METEO Valsassina




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

COME TI COMPORTI IN OCCASIONE DEL "BLACK FRIDAY"?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

VN SU FACEBOOK