IL RITORNO DELLO SCALDABAGNO ELETTRICO, MA A BASSO CONSUMO



Lo scaldabagno è un elettrodomestico disponibile da decenni per l’installazione all’interno delle abitazioni. Negli ultimi decenni molti hanno rinunciato a questo tipo di accessorio, preferendogli uno scaldabagno a gas, o anche una caldaia per il riscaldamento domestico e la produzione di acqua calda sanitaria. In realtà oggi sempre più spesso si sta tornando allo scaldabagno elettrico a basso consumo, grazie alla disponibilità di modelli innovativi e al desiderio di molti consumatori di limitare il proprio impatto ambientale.

Utilizzare uno scaldabagno elettrico oggi, non significa rinunciare al confort, in quanto non esistono più i prodotti antiquati di un tempo, ma il mercato offre dispositivi altamente innovativi che permettono di ottenere acqua calda sanitaria in modo semplice e veloce, riducendo nel contempo al minimo il consumo di energia elettrica.

Dove installare uno scaldabagno a basso consumo
Sono molte poi le situazioni in cui uno scaldabagno a basso consumo è sempre la scelta migliore, lo è stata in passato e continua ad esserlo oggi. Stiamo parlando, ad esempio, delle case per le vacanze estive, dove non è presente un vero e proprio impianto di riscaldamento. Oggi sono numerose anche le abitazioni in cui è disponibile energia elettrica pulita (e quasi gratuita) ottenuta con un impianto fotovoltaico; in un caso del genere lo scaldabagno permette di approfittare al massimo di tale energia, senza che l’utilizzo di tale elettrodomestico contribuisca ad appesantire la bolletta dell’energia elettrica. La scelta di uno scaldabagno elettrico si coniuga bene con la scelta di produrre energia attraverso il fotovoltaico, che è tra le fonti di energia rinnovabile maggiormente usata.

Molti potrebbero essere scettici sull’installazione di uno scaldabagno per la produzione di acqua calda in quanto, si pensa ai vecchi modelli antiestetici presenti nelle case delle nostre nonne. Ma anche in questo caso dovremo ricrederci, in quanto oggi, si pone molta attenzione al design delle nostre abitazioni, proponendo dei prodotti gradevoli alla vista, che possono essere tranquillamente installati in un bagno o in una cucina, senza alterare la bellezza del nostro arredamento, inserendosi bene in qualsiasi contesto, grazie a dei modelli di ultima generazione, proposti dalle aziende italiane leader nel settore come ad esempio i modelli di scaldabagno elettrico a basso consumo di Ariston.

Quanto consuma uno scaldabagno elettrico
Molti quando pensano ad uno scaldabagno ricordano i modelli disponibili in commercio un tempo. Si trattava di apparecchiature antiquate, poco efficienti e con varie problematiche “congenite”, se così possiamo dire. Erano sufficienti un paio di anni di utilizzo perché le componenti interne fossero aggredite dalla corrosione e dai depositi di calcare, difficili poi da rimuovere. Inoltre per avere a disposizione l’acqua calda era necessario attendere tempi lunghissimi, poco consoni alla vita odierna. I modelli di scaldabagno elettrico a basso consumo oggi disponibili in commercio sono apparecchiature assai diverse da quelle di un tempo. Consumano molto meno, sono infatti disponibili anche modelli in classe energetica A; inoltre sono rivestiti con materiali inattaccabili dalla corrosione, come ad esempio il titanio. Si possono poi scegliere scaldabagno che sono dei veri e propri oggetti di design, molto pratici ed efficienti, permettono di ottenere rapidamente acqua calda, con anche indicatori che ci avvisano quando è possibile fare la doccia. Per chi ha necessità specifiche ci sono anche scaldabagno con doppio serbatoio.

 

 




‘BLITZ’ A SANT’ALESSANDRO

I "TEST" DI VALSASSINANEWS

COPRIFUOCO CONTRO IL COVID: SEI D'ACCORDO?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO