FINITA L’ERA DELLE QUOTE LATTE. SENZA PROTEZIONISMO SI TEMONO MULTE E RICADUTE NEGATIVE



 Odiate, anzi maledette per 31 anni. Ora che, però, le quote latte vanno in pensione. All’Italia lasciano 40 milioni di multe per sforamento, che potranno essere rateizzate e una generazione di allevatori che si sente lanciata nel vuoto senza la rete di protezione. Un assaggio di quello che succederà a partire da oggi, quando la produzione di oro bianco in Unione europea tornerà a essere regolata dalla mano invisibile di Adam Smith, si è già visto nei mesi scorsi con il crollo del prezzo alla stalla da 41 centesimi al litro nel gennaio 2014 a 36 centesimi un anno dopo.

Trentasei centesimi: non sufficienti neppure a coprire il costo di produzione, che in Italia si aggira intorno a a 40 centesimi, figurarsi ad avere un guadagno. I produttori lombardi fanno il 42% del latte italiano (4,5 milioni di tonnellate su 11 milioni) e sono allarmatissimi. Il rischio è un’aumento incontrollato della produzione in tutta Europa (Coldiretti stima il 6%) e di conseguenza un’invasione in Italia di latte straniero (che è già tanto, il 40%), sempre più conveniente per le grandi multinazionali casearie, per la produzione di tutto ciò che non prevede l’obbligo di origine.

>>> Prosegui la lettura dell’articolo di Valentina Bertuccio D’Angelo sul portale de Il Giorno 

 

 

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

COME RIEMPI LE GIORNATE?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

STRADE VUOTE, LA VALLE ‘RISPETTOSA’

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

aprile: 2015
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930