DOPO IL CASO PFA/CONTINUA LA ‘GUERRA’ NEL MONDO SINDACALE. FIM CISL: “ORGOGLIOSI DI BATTERCI CON CORAGGIO E DIGNITÀ”



CORTENOVA – Contrattacca la FIM CISL dopo la clamorosa presa di posizione della RSU (Rappresentanze Sindacali Unitarie) interna alla PFA di Cortenova.

“Con riferimento alla notizia apparsa su alcuni organi di stampa locali riguardo alla richiesta di allontanamento della nostra operatrice territoriale Francesca Melagrana da parte della rsu dell’azienda Pfa di Cortenova siamo come Fim Cisl Monza Brianza Lecco a precisare che le accuse mosse dalla rsu a Francesca di aver diffuso a mezzo stampa notizie false e diffamatorie sull’azienda riguardo al problema della sicurezza, senza aver prima concordato tale diffusione con la rsu stessa e con la Fiom Cgil sono destituite di ogni fondamento e ne abbiamo le prove concrete e dimostrabili oltre ogni dubbio”.

“Le notizie in oggetto consistevano semplicemente nel comunicato unitario Fim-Fiom-rsu del giorno 7 luglio scorso, debitamente condiviso da Francesca con la rsu e la Fiom Cgil, circostanza anche questa da noi comprovabile oggettivamente. La versione dei fatti contenuta nel comunicato inviato alla stampa dalla rsu Pfa ieri 16 luglio è totalmente falsa, come del resto si deduce anche dal comunicato anch’esso unitario Fim Fiom dell’8 luglio successivo all’incontro tenutosi in quella data e in cui si è discusso del tema sicurezza. L’unica responsabilità addebitabile alla nostra operatrice è quella di essersi indignata per un infortunio da codice rosso occorso ad un ragazzo di 23 anni che solo per una fortunata coincidenza non ha avuto esiti peggiori”.

“Non saranno quindi . conclude la nota della FIM – le falsità, orchestrate da figure che nulla hanno a che vedere con l’impegno sindacale , e che possiamo con certezza smentire in qualunque sede, a condizionare la nostra  battaglia in difesa dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori, tra cui la sicurezza è oggettivamente il più importante. Contro questa opera di diffamazione la Fim Cisl Monza Brianza Lecco si batterà in tutte le sedi, a partire dalla fabbrica, per affermare la verità e la giustizia, non escludendo il ricorso all’autorità giudiziaria al fine di tutelare l’integrità della nostra organizzazione e della nostra operatrice. Se se battersi con coraggio e dignità per tutto questo, per una sindacalista, per una donna sindacalista, è una colpa allora noi siamo colpevoli !!! E ne siamo orgogliosi !!!!”.

Ma accanto allo scontro a suon  di comunicati c’è anche la “guerra delle cifre”. Che conferma il forte dissidio tra sigla sindacale ufficiale e rappresentanza interna. Quest’ultima rivendica di avere raccolto quasi 90 firme contro Melagrana, mentre da Lecco trapela che il rappresentante RSU della Pfa è stato eletto con appena 7 voti.

Per dimensionare al meglio le cifre elencate, va specificato che la ex Pro.Fer.All di Cortenova conta su oltre cento dipendenti complessivi.

RedEco

LEGGI ANCHE:

PFA, RSU CONTRO LA SINDACALISTA CISL: “DA LEI NOTIZIE FALSE E FUORVIANTI”. MELAGRANA REPLICA SMENTENDO L’RSU

 




VIDEO: RIFIUTI SOTTO LE ANTENNE

I "TEST" DI VALSASSINANEWS

OBBLIGO GREEN PASS SUL LAVORO: CHE NE PENSI?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO