CAPANNONE GALPERTI: GAME, SET E MATCH PER MARINELLO MANZONI



PASTURO – Caso chiuso sull’altezza del nuovo capannone della Galperti con la ragione da attribuire senza più alcun dubbio alla lettura del Pgt sostenuta della minoranza. 

Da ieri sera il Consiglio Comunale di Pasturo può mettere in archivio la questione che si trascina dalla primavera scorsa in merito all’altezza del capannone della ditta Galperti che sorgerà nell’area ex Agostoni. L’assemblea infatti si era trovata a decidere se concedere una deroga ai centimetri del fabbricato all’interno del quale verrà installato un carroponte.

Subito il capogruppo di minoranza Marinello Manzoni, architetto di professione e già sindaco alla stesura dell’attuale Pgt, aveva segnalato “un abbaglio nel calcolo dell’altezza” avvisando che la deroga, a quel punto non necessaria secondo i suoi calcoli, avrebbe causato confusione e anche un precedente per eventuali future pratiche. Chiedendo quindi di correggere il documento “con un semplice tratto di penna“.

La giunta di Pierluigi Artana, forte del parere dall’allora tecnico comunale, non accettò però correzioni mentre il capogruppo di maggioranza, l’ex sindaco Guido Agostoni, propose democristianamente di approvare la deroga ma pure di trasmettere la segnalazione di Manzoni alla Conferenza dei servizi. Attendiste invece le posizioni di entrambi i segretari comunali che hanno ricoperto il ruolo in questi mesi, i quali in sostanza si sono limitati a ribadire come sulle deroghe sia sovrano il Consiglio Comunale.

Nel frattempo Manzoni non ha desistito e – senza perderci nei labirinti del burocratese – quando a Pasturo si è insediato l’attuale tecnico è stato nuovamente fatto notare l’abbaglio. Che tale è stato riconosciuto essere anche dall’ingegnere Davide Maroni, che spiega: “Il riferimento di calcolo/verifica, per il parametro evidenziato, è quello determinato dal combinato disposto degli artt. 15.10 e 15.11 in relazione ai limiti previsti dall’art. 51 della normativa del Piano delle Regole; le altezze riferite ai succitati articoli trovano riscontro negli elaborati grafici costituenti il progetto approvato in deroga dal Consiglio Comunale nella seduta del 26.05.2022 atto n. 22, elaborati che certamente costituiscono un maggior dettaglio tecnico e grafico rispetto a quanto descritto nella deliberazione consiliare richiamata”.

“Non se ne abbia il Sig. Sindaco – commenta in conclusione Marinello Manzoni – che pure in occasione del pur vivace dibattito consiliare, nonostante le nostre reiterate, determinate e pressanti richieste, pertinacemente si ostinava ad omettere non solo la presa d’atto ma pure la lettura del citato art. 15.10, cercando in tal modo di poter più agevolmente (o forse meglio, impunemente), poi andare a deliberare ignorandone il disposto. Art. 15.10, vogliamo di nuovo anche qui ricordare, che esplicitamente attesta che ‘la misura andrà effettuata su ogni prospetto a partire …. dal più basso pavimento abitabile fino all’intradosso dell’ultimo solaio abitabile nel suo punto interno di intersezione col prospetto stesso‘. Concetto sicuramente a Lui ostico, perché contrario alle sue pregiudiziali, ostinate ed esclusive prese di posizione, ma a cui ora anche Lui e l’Amministrazione da Lui presieduta non potranno fare a meno di attenersi. È la Legge a star sopra a Cesare, e non viceversa! Ciò detto, anche in questa sede ribadiamo comunque quanto già altrove espresso: Al di là ed oltre la banalità del caso in narrativa, questo ci premeva difendere e sostenere, ovvero che non è ammesso a nessuno, e tantomeno a chi assolve ruoli di potere, eludere in qualsivoglia forma e/o per qualsivoglia opportunismo, un dettato normativo se Dio vuole chiaro e scevro da ogni possibilità di fraintendimento o, peggio, mistificazione”.

Sarebbe bastato, in conclusione, leggere l’articolo del regolamento e correggere il dato a penna dieci mesi fa, il 26 maggio 2022.

C.C.

 

DALL’ARCHIVIO

PASTURO: PER L’IPERAL È SOLO QUESTIONE DI TEMPO, SULLA MOZIONE “GALPERTI” LE RISPOSTE NON ARRIVANO

PASTURO, QUANTO SARÀ ALTO IL ‘CAPANNONE GALPERTI’? IN CONSIGLIO COMUNALE PER FARE I CONTI

PIANA DI PASTURO, IL CONSIGLIO SDOGANA IPERAL E GLI INTERESSI DEI PRIVATI. “NON SI PAGA UN NUOVO PAI PER LASCIARCI I PRATI”

 

I "SONDAGGI" DI VALSASSINANEWS

LA VALLE ACCOGLIE AL "MEGLIO" TURISTI E VILLEGGIANTI?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK