“SEI UNA NANA”: L’IMPROPERIO SU FACEBOOK COSTATO 2.500 EURO DI MULTA E QUASI LA PRIGIONE A UN VENTIQUATTRENNE



LECCO – È costato caro l’insulto a un ventenne lecchese, che quattro anni fa in un post su Facebook  apostrofò una concittadina quarantenne con il termine “nana”. Oggi il 24enne, M.B., si è trovato a dover affrontare il rischio di 15 giorni di carcere, la pena minima prevista e richiesta alla corte dal pubblico ministero Mattia Mascaro.

Il giudice Enrico Manzi, raccolte le testimonianza

> LEGGI TUTTO su

 

 

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

NAMELESS VIA DALLA VALLE, DI CHI È LA COLPA?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO Valsassina




IN VOLO VERSO LA VALSASSINA

VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO