CORONAVIRUS, SINDACI CHE INFORMANO E “SILENTI”: IL DIBATTITO



VALSASSINA – Prendiamo spunto da una lettera arrivata alla nostra redazione e relativa alla comunicazione dei sindaci in tempi di coronavirus per allargare il discorso, riprendendo anche alcune storie già pubblicate da VN e dei commenti in rete, proprio su questo tema.

Prima la email inviata in queste ore a info@valsassinanews.com:

Mancato avviso da parte dei sindaci
Vorrei solo fare un appunto: vedo sui giornali e sui social che tutti i sindaci di prodigano per fare sapere ai loro concittadini la situazione riguardante il il contagio.

E lo fanno ogni giorno rassicurando i concittadini qualora non ci siano casi oppure dando notizia dell’ eventuale contagio.

Come mai questa cosa non viene eseguita dai sindaci in Valle?
Non è morbosità di sapere ma giusta informazione.

Grazie

L. A.
.
.
La signora che ci ha scritto ha ragione: ci sono primi cittadini molto attivi sul fronte della diffusione di notizie e avvisi ai loro amministrati, altri più “silenziosi” e chi (come il sindaco di Barzio, vedi articolo di ieri) parlano di “privacy” in un momento in cui la logica vorrebbe che si avesse la massima trasparenza per evitare l’ulteriore diffusione di questa epidemia.

Se ne sta accorgendo la popolazione, che utilizzando ad esempio la pagina Facebook di Valsassinanews, dà vita a un dibattito molto appassionato. Ecco in materia quanto scrivono nostri lettori in margine a questo aspetto – certo non secondario – della vita in piena pandemia:

Veronica
Da cittadina di Barzio….. come mai nessuno ci ha avvisato che c erano 2 casi positivi in paese? Avevamo tutti il diritto di saperlo!????

Cindy
dovremmo chiedere spiegazioni al sig sindaco

Jenny
Non ricordo se è l’Ansa o ASL…. che comunica nell’immediato al Sindaco. Lo stesso avrebbe dovuto avissare immediatamente i cittadini.

Graziella
È grave il comportamento del primo cittadino di Barzio : bisogna ricordargli che nel paese c’è una casa di riposo e che sono più di 15 giorni che si fanno rispettare giustamente la quarantena ai parenti tutti con disagio per gli ospiti , le persone che lavorano ecc. Due casi , dopo tutto il dire di osservare le disposizioni , mi sembra proprio un non voler vedere il problema. I concittadini hanno tutti i diritti di sapere come stanno le cose e ognuno deve sentirsi responsabile non solo per sé stesso , ma anche per il suo vicino. 

 

QUANDO I SINDACI FANNO INFORMAZIONE (SINTESI):

CONSONNI: “TRE CASI DI CORONAVIRUS A BALLABIO”

Sacra Famiglia. Un degente morto, tre infetti fra gli operatori

Noceno. Rusconi ricorda Acerboni “Uomo deciso e tutto d’un pezzo”

 




‘BLITZ’ A SANT’ALESSANDRO

I "TEST" DI VALSASSINANEWS

COPRIFUOCO ANTI COVID: SEI D'ACCORDO?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO