MANI IN ALTO: DOPO LE FERIE ARRIVA LA TARES



Imposta dal governo centrale  per coprire la totalità dei costi di spazzamento delle strade e raccolta dei rifiuti, la Tares si preannuncia come l’ennesima legnata sulla schiena di chi già stenta ad andare avanti.
In questi giorni, tutti i Comuni dovranno definire le tariffe e la modalità di pagamento (due/tre rate) così come le scadenze. La prima rata (quella da versare entro la fine dell’anno) in attesa di chiarimenti da parte del governo, verrà pagata utilizzando come riferimento l’attuale Tarsu, e si pagherà una percentuale (per esempio, a Primaluna ci sarà un acconto dell’80 per cento della cifra pagata per la Tarsu 2012). 

I guai arriveranno con la seconda rata, quella di inizio 2014 nella quale si pagherà il saldo dovuto (il 20% dell’importo della Tarsu 2012) maggiorato di 0.30 euro per ogni metro quadrato occupato a titolo di imposta per i servizi indivisibili (importo che andrà direttamente allo stato).
 
Il tributo (Tares) è dovuto da chiunque possieda, occupo o detenga a qualsiasi titolo, locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, dunque, anche le cascine, baite o box, pagheranno la nuova imposta.
 
La prima rata  a Primaluna avrà scadenza 30 novembre, mentre la seconda scadrà il 28 febbraio 2014. In questi giorni, anche gli altri consigli comunali dei paesi della Valle definiranno tariffe e scadenze, vi terremo informati sugli sviluppi della vicenda. 
 
 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

MALTEMPO: FA ANCORA PAURA?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




IN VOLO VERSO LA VALSASSINA

VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO